Pag.  1  2  3  4  5  6  7  [8]  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18 

Message sent from: Pietro Scalzo (08/10/2011)
Carissimo maestro Noseda, come ringraziarla per la splendida iniziativa dellesecuzione dei 9 Gioielli beethoveniani al nostro Teatro Regio di Torino! E stata unesperienza emozionante, "thrilling!" e questunica Sinfonia in Nove movimenti è stata eseguita e interpretata in modo davvero davvero magistrale, profondo, qualitativamente altissimo: merito suo, di questa Orchestra che sta diventando grande, di questo Coro che è davvero una bella realtà, di tutto il Teatro Regio. Un ringraziamento sentito per tutto questo e anche per la lodevole decisione di permettere a tutti di scaricare le registrazioni dei Concerti da Internet: mitico! Grazie ancora di tutto, per tutto ciò che ha fatto e per tutto ciò che farà per il nostro Teatro e per la Musica! Un caro abbraccio riconoscente, Pietro
Message sent from: francesco maiello (28/09/2011)
Carissimo Maestro ho avuto modo di ascoltare lottava di Mahler. straordinario! Sulla incompiuta decima mi sono commosso. La ringrazio molto di regalarci tutto questo in un momento in cui larte sembra essere ridotta a qualcosa di misero ed effimero.
Message sent from: Gregory Leet (28/09/2011)
Sono un musicista americano che insegna in Alessandria, Egitto. Tanti auguri per un gran successo con le sinfonie di Beethoven! È una bellissima idea e uniniziativa spiritosa di suonare tutte le sinfonie in pochi giorni così! Bravo! Conosco bene il Suo eccellente CD della Seconda Sinfonia di Beethoven. Forse, un giorno, io ed i miei allievi potranno visitare Torino e ascoltare concerti e spettacoli al Teatro Regio. Grazie!
Message sent from: Marco Vizzardelli (26/08/2011)
Caro Maestro, sono fresco reduce dallascolto della magnifica, intensissima Lucia di Lammermoor a Stresa. Quello con lopera in forma semiscenica a Stresa è diventato, per me, un appuntamento fisso ormai da diversi anni, e devo dire che, ogni volta, il "clima" esecutivo ed interpretativo che Lei riesce a creare è qualcosa di unico o quanto meno ben arduo da trovare altrove. Si sente un circolo di "elettricità" entusiasmo e freschezza esecutiva che passa fra Lei, la giovane orchestra del festival il coro e i cantanti. Da Mozart a Rossini a Puccini a Donizetti, l"intensità" che qui si raggiunge difficilmente si riscontra altrove ed è una splendida esperienza di musica che si rinnova annualmente. E il pubblico (ho parlato con diverse persone) percepisce perfettamente questo clima "speciale". Il festival di Stresa Le deve tantissimo, per la scelta delle tematiche, la bellezza dei programmi, il modo di "far musica". E, siccome frequento anche, quando possibile, il Regio di Torino, devo dire che lo stesso "clima" e gli stessi "modi" si riscontrano anche lì. Spero che la Sua presenza a Stresa prosegua, ne ha fatto qualcosa di fortemente caratterizzato... anche se, da milanese, mi piacerebbe vederLa più di frequente (e, chissà, un giorno stabilmente...) alla Scala, proprio per via di quel clima di creatività, entusiasmo e senso dappartenenza che ho visto instaurarsi a Torino come a Stresa. Un carissimo saluto. Marco Vizzardelli
Message sent from: Giovanni Grosskopf (25/08/2011)
Ciao! Vi spero bene… Quando in maggio hai diretto la prova aperta a favore di OSF, alla Scala (Dvorak e Wagner, con Goerne), cero anchio! Ti ho abbracciato col pensiero, da lontano… A presto, spero!
Message sent from: Romano Gambalunga (01/08/2011)
Caro Gianandrea, scambiarsi due parole questa mattina in Kensington Church Street è bastato per farmi venire voglia di conoscerti meglio. Così, sono venuto al Royal Albert Hall per ascoltare il concerto. Grazie di cuore per lintensa direzione e la brillante, a tratti emozionante esecuzione (in verità, pareva che anche tu suonassi). Complimenti e duc in altum! p. Romano Gambalunga ocd